Come arredare la camera da letto per dormire meglio

Umidità in camera da letto
15 Novembre 2019

Come arredare la camera da letto per dormire meglio

Come scegliere i colori, i materiali e la disposizione dei mobili per creare un ambiente che ci accolga e ci trasmetta tranquillità?

Proponiamo alcuni suggerimenti per sistemare la stanza in modo da beneficiare quanto più possibile di un’atmosfera che favorisca il sonno ristoratore.

Arredare la stanza per riposare bene

Riposare bene è fondamentale, perché le vite frenetiche che conduciamo richiedono che durante il giorno disponiamo di tutte le nostre forze; l’arredamento della camera da letto può influenzare moltissimo il nostro modo di dormire, quindi è importantissimo scegliere con cura i colori, i materiali e la disposizione del mobilio che vi aiutino a raggiungere questo scopo.

I colori che aiutano a dormire meglio

I colori caldi come il giallo, l’arancione e il rosso sono eccitanti, stimolanti, accendono l’attenzione e la creatività e affaticano il sistema nervoso; per questo andrebbero decisamente evitati per la stanza destinata al riposo. Meglio orientarsi su tonalità fredde, preferibilmente nelle tinte pastello, come il blu, il viola e il verde, oppure i classici beige, grigio e bianco: regolano il ritmo cardiaco e la pressione sanguigna, quindi naturalmente calmanti e rilassanti.

I materiali giusti per un sonno ristoratore

Nella scelta dei materiali è bene tener presente che scegliere finiture fredde come l’acciaio, il metallo o il vetro vi impediranno di rendere la vostra camera da letto calda e accogliente: orientatevi quindi su materiali poco lavorati e naturali: perfetto il legno, ottimi tessuti morbidi e imbottiti. Per il rivestimento del pavimento optate per il laminato o il parquet; altre soluzioni sarebbero più fredde e poco adatte.

Il letto perfetto per rigenerarsi

Per un sonno rigenerante è fondamentale scegliere il letto giusto e i componenti migliori:

  • il materasso: con zone differenziate per una totale ergonomia, il rivestimento sfoderabile in lino, fresco e traspirante. Molto comodi quelli con un lato estivo e uno più caldo per l’inverno;
  • il cuscino: è ottimo in schiuma di lattice naturale, a forma di saponetta, alto circa 12/14 centimetri. Grazie ai fori traspiranti offre un’azione termoregolatrice, è antiacaro e anallergico.
  • le lenzuola: sono da preferire quelli in tessuti morbidi e traspiranti, ma la scelta varia in base al vostro gusto
  • la biancheria: potete scegliere un piumino e liberare la fantasia con i copripiumino con cui rivestirlo, o la trapunta, che è una via di mezzo tra coperta e piumino e ha una sua fantasia precisa. L’importante è che siano di ottima qualità, poiché deputati a regolare la temperatura durante il sonno, determinando di conseguenza la qualità del vostro riposo: prediligete i 100% piumino oca, o almeno 90% piumino e 10% piumetta.

Come disporre gli arredi per un miglior relax

Per disporre correttamente i mobili in camera da letto, tenete in considerazione sia l’aspetto visivo che offre l’ambiente che la praticità, in quanto si tratta dello spazio dove andrete a riposare; desidererete certamente che l’arredamento sia bello, ma anche in grado di evocare calore e relax.

Come disporre il letto

Il letto in una camera dovrebbe trovarsi davanti alla porta, in modo che entrando risulti l’elemento principale. Se ciò non fosse possibile, scegliete la parete più lunga, lasciando comunque lo spazio sufficiente per muoversi agevolmente intorno ad esso. Fate in modo che non schermi la luce naturale che entra nella camera, ma che nelle ore diurne ne venga irradiato.

Ordine e pulizia

Una camera da letto troppo affollata e disordinata vi trasmetterà tutt’altro che calore e accoglienza e risulterà difficile da pulire. Gli arredi quindi non dovranno essere ingombranti, in modo da consentirvi di tenere la stanza ordinata. Una soluzione ottima è quella dei letti contenitore, che consentono guadagnare spazio prezioso sfruttando quello che rimarrebbe altrimenti inutilizzato.

Una stanza luminosa e accogliente

Per il vostro benessere psicofisico e un riposo rigenerante, spazio alla luce! Che sia calda e soffusa, per cui scegliete un tendaggio dai tessuti chiari e fini, che non impediscano il passaggio dei raggi, senza rinunciare alla privacy; per non stancare e abbagliare, disturbando il riposo, è preferibile che sia indiretta. Prevedete più punti luce da poter gestire a seconda delle situazioni e delle esigenze: le tradizionali abat-jour sui comodini rappresentano un’ottima soluzione, mentre delle appliques sulle pareti saranno discrete e funzionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *